I selfie di Vivian Maier

Vivian Maier è la street photographer per eccellenza. Diventata famosa soltanto dopo la sua morte grazie all’immensa fortuna di un giornalista che ha riportato in vita la sua delicatezza e la genialità, Vivian ha nascosto i suoi scatti per tutta la vita. 150.000 negativi  raccolti in una scatola e lasciati impolverare in cantina. John è fortunato. In un asta di quartiere acquista uno scatolone a 380 dollari all’interno del quale vi sarà la sua fortuna. Attraverso quei negativi riesce a comprendere la genialità della fotografa ed inizia la sua indagine conoscitiva alla ricerca del talento perduto.

 vivian maier chicago

Credits motherjones

Eccentriche, spontanee e profonde, tra le foto contenute in quei negativi c’era un unico grande indizio:l’autoritratto, oggi banalmente conosciuto come selfie. Ma chi si cela dietro quell’arte fotografica, fatta di scatti narrativi profondi, fatti di luci, ombre e sguardi? A riportare in vita il carattere e la personalità di Vivian ci pensa John Maloof, che dopo aver selezionato i suoi scatti, ci conduce in un rito evocativo sorprendente. Purtroppo quando Maloof pubblica gli scatti della Maier su Flickr e le sue foto diventano popolari, Vivian muore.

Vivian-Maier-Self-Portrait

Ccredits Chicago Now

Nativa di New York, Vivian trascorre il periodo della Grande depressione in Francia per poi arrivare a Chicago dove condurrà la maggior parte della sua vita. Vivian Mier era una persona solitaria e amava passeggiare per la città con la sua rolliflex attaccata al collo per catturare quegli sguardi e quelle espressioni  difficili da dimenticare. Le foto di Vivian risvegliano in noi i sentimentalismi, quelle emozioni associate all’osservazione che avevamo dimenticato da tempo. Attraverso le sue foto siamo in grado di guardare nei suoi occhi, perdendoci tra i suoi autoritratti e di colpo la parola “selfie” fa rabbrividire.

Godetevi i suoi scatti

vivian-maier-bus

Credits sotamedialab

vivian maier

Credits pinimg

vivian maier photo

Credits slate

vivian maier

Credits naimoka

vivian maier alessandro baricco

Credits alessandro-baricco site

vivian maier street photographer

Credits repstatic

vivian chicago

Credits fiftyfiftyvision

Per vedere l’archivio fotografico di Vivian visitate il suo sito a questo link 

Leave a reply

Your email address will not be published.